L'aspirapolvere robot

Cos'è un aspirapolvere robot?

Si tratta di un robot automatico in grado di muoversi da sé in una casa, o in una stanza, per raccogliere la polvere sul pavimento. Alcuni dispositivi sono anche in grado di lavare la superficie.

E' una delle prime applicazioni dell'intelligenza artificiale e della robotica nel settore dei piccoli elettrodomestici.

Come funziona l'aspirapolvere robotico?

In genere ha la forma di un disco piatto sopra delle ruote. Lo spessore contenuto gli consente di andare anche sotto i mobili e i letti, negli ambienti più difficili da raggiungere per una persona.

E' composto da una parte mobile ( il disco ) e da una parte fissa ( la base ). La base è collegata a una presa elettrica di casa ed è posta in un angolo della casa.

A cosa serve la base?

L'aspirapolvere robot ha un accumulatore interno, una batteria ricaricabile che gli permette di muoversi liberamente per casa, senza alcun cavo di alimentazione.

Quando la carica della batteria interna si esaurisce, il disco torna alla base di autoricarica e si aggancia ai connettori per ricaricarla di energia elettrica. Il tempo di ricarica può durare diverse ore.

Attenzione. A volte la base di autoricarica non è compresa nella confezione e va comprata a parte. E' bene leggere attentamente le caratteristiche dell'aspirapolvere-robot prima di comprarlo. Se non include all'interno anche la base di autoricarica, occorre considerala come una spesa aggiuntiva. E' un elemento fondamentale.

Come controlla se il pavimento è sporco?

Il disco mobile è dotato di sensori per rilevare il grado di sporcizia nella parte sottostante del pavimento. Se il sensore rileva la polvere, si attiva l'aspirapolvere per raccoglierla.

Al termine dell'operazione di pulizia della superficie il disco dell'aspirapolvere si sposta su un'altra zona vicina del pavimento, poi ripete la stessa operazione di controllo ed eventuale pulizia.

Mentre si muove l'aspirapolvere costruisce una mappa dell'ambiente, della stanza o dell'intera casa, per ricordare dove è già passato. In questo modo, il robot può pianificare le pulizie nei punti della casa dove non è mai passato ed evitare quelli già puliti di recente.

Quanto costa un aspirapolvere robot?

Il prezzo di questi elettrodomestici robotici può variare da poche centinaia di euro in su. I modelli più economici si limitano a rimuovere la polvere dal parquet. Quelli più costosi sono dotati di maggiori funzionalità e opzioni, e di una tecnologia più avanzata, di ultima generazione.

Le opzioni extra aggiuntive che si possono trovare in un aspirapolvere robot sono le seguenti:

  1. la programmazione della pulizia in particolari orari o giorni della settimana
  2. la possibilità di pulire anche superficie più insidiose come un tappeto
  3. diversi tipi di trattamento a seconda del pavimento ( marmo, parquet, piastrelle, ecc. )
  4. i sensori di dislivello per la funzione anti-caduta dalle scale
  5. i sensori per riconoscere la tipologia di sporcizia
  6. i sensori anticollisione
  7. la capacità del sacco contenitore della polvere
  8. la potenza dell'aspirapolvere
  9. l'autonoma della batteria
  10. i tempi di ricarica della batteria
  11. la memoria per mappare l'ambiente
  12. il livello di artificial intelligence
  13. il telecomando per azionarlo in remoto

Non è detto che siano tutte funzioni utili, molto dipende dalle proprie esigenze e dalle caratteristiche del pavimento da pulire.

Le dimensioni del sacchetto della polvere

Uno degli aspetti più importanti da considerare è la dimensione del contenitore ove viene riposta la polvere.

Perché la capacità del contenitore è importante?

Il motivo è molto semplice, quando il sacchetto è pieno, l'aspirapolvere robot torna alla base di partenza e si disattiva, oppure si blocca. Sarebbe inutile per il dispositivo andare in giro se poi non può raccogliere la polvere. Quindi, si spegne automaticamente.

Per far tornare in funzione l'aspirapolvere-robot occorre svuotare manualmente il contenitore.

Un consiglio. Se la casa è grande, le stanze da pulire sono molte e/o ci si assenta da casa per molto tempo ( es. seconda casa per il week-end o per le vacanze ) è opportuno non lesinare sulle dimensioni del sacchetto e prediligere quelli più grandi. In caso contrario, si rischia di acquistare un dispositivo sottodimensionato rispetto alle proprie esigenze e la spesa è poco utile.

Le spazzole di riserva dell'aspirapolvere-robot

E' utile avere delle spazzole di ricambio da sostituire in caso di usura o di rottura delle precedenti. La presenza di questi pezzi di ricambio nella confezione non è da sottovalutare.

Un consiglio. Col tempo le spazzole si usurano e non puliscono più bene. L'aspirapolvere impiega più tempo per pulire uno spazio con le spazzole usurate e, pertanto, consuma più energia. Nell'ipotesi peggiore, una spazzola potrebbe rompersi a causa di un impatto o di una caduta fortuita dell'elettrodomestico.

Potrebbe essere difficile trovare una spazzola di ricambio, soprattutto se è passato qualche anno dall'acquisto.

In breve, avere già a disposizione una o due spazzole di riserva può evitare di dover riacquistare un nuovo robot o di inviare l'aspirapolvere presso un centro di assistenza tecnica. Inoltre, il più delle volte il centro di riparazione non è vicino casa.

Quale manutenzione richiede?

Gli aspirapolvere robotici non richiedono particolari operazioni di manutenzione. E' necessario svuotare periodicamente il sacchetto della polvere e pulire le spazzole sotto l'aspirapolvere.

Mantenere pulite le spazzole. Nelle spazzole potrebbe restare attaccata la sporcizia, come i capelli o i piccoli residui di cibo. Se le spazzole non sono sempre pulite, l'aspirapolvere non pulisce bene. Al contrario, le spazzole sporche oltre a non pulire potrebbero persino sporcare ulteriormente il pavimento.



Per scrivere un commento